Descrizione Progetto

VALVOLE PER L’OIL&GAS

Studio di mercato sulle valvole per i settori dell’Oil&Gas: valvole di riduzione congiunte a filtri, in ghisa, acciaio e altri materiali. Valvole per condizioni estreme etc.

Dal momento dell’introduzione delle sanzioni economiche contro la Federazione Russa la questione della sostituzione delle importazioni è diventata prioritaria nel paese poiché, per citare un’esempio, l’industria petrolchimica dipendeva dal rifornimento di valvole dal Giappone, dagli Stati Uniti e dall’Unione europea per ben il 70% o più e, per citarne un’latro ancor più significativo, per il 100% delle attrezzature di tale tipo nella produzione offshore di gas e petrolio.

Senza un maturo sviluppo della produzione interna e tenuto conto del grado di usura degli impianti esistenti, si prevedeva che lo sviluppo di questi settori si sarebbe bloccato nel giro di 4 o 5 anni. Inoltre, visti i gradi di usura delle valvole impiegate nell’industria chimica, nel settore energetico e nei complessi industriali petrolchimici, cresce la probabilità di possibili incidenti anche di grossa entità.

In questo periodo la principale problematica dei produttori di valvole per gasdotti e oleodotti è stata la questione della standardizzazione degli impianti e dei loro componenti. Il potenziale degli impianti produttivi russi e tale da permettere il rilascio di apparecchiature standardizzate sia per la normativa GOST che per gli standard API ma nel primo caso la certificazione è emessa dal Servizio Federale di Accreditamento della Federazione Russa (RosAccreditaziya), mentre nel secondo caso è necessario che l’attrezzatura sia conforme al regolamento del soggetto licenziante. Pertanto, la conformità contemporanea sia agli standard GOST che agli API è molto costosa per il produttore.